COPS: UNA BANDA DI POLIZIOTTI

Classificazione: 3 su 5.
  • TITOLO : Cops – Una banda di poliziotti
  • EPISODI : 2
  • DURATA : 90 min (circa)
  • REGIA : Luca Miniero
  • INTERPRETI : Claudio Bisio, Stefania Rocca, Pietro Sermonti, Francesco Mandelli, Dino Abbrescia
  • CANALI : Sky, Now Tv

Al commissariato della città immaginaria di Apulia ci sono quattro agenti: l’agente scelto Benedetto Starace, un poliziotto esaltato che parla spesso in inglese e va in giro con gli occhiali da sole anche al chiuso, l’assistente Nicola Gargiulo, detto Nicola o’sicc, l’ispettrice Maria Crocifissa Cercola, sposati con due figli piccoli che spesso si stuzzicano a vicenda, e Tommaso, un giovane poliziotto omosessuale. A loro si aggiunge Cinardi, il nuovo commissario di Apulia.

BAD TASTE
BADTASTE

7 / 10

Recensione di Beatrice Pagan

Uno dei punti di forza di Cops – Una banda di poliziotti è la grande esperienza del cast che permette di costruire dei personaggi credibili, nonostante le loro stranezze, e per cui si inizia progressivamente a provare simpatia e affetto.
Claudio Bisio è la scelta perfetta per il ruolo del commissario che attende con un po’ di indolenza il pensionamento e apprezza la tranquillità di Apulia, rimanendo però spiazzato dall’entrata in scena di Margherita che lo attrae e al tempo stesso rischia di mandare all’aria tutti i suoi piani. Stefania Rocca possiede il giusto carisma per la parte di una donna abituata a mantenere il controllo e non mostrare le proprie emozioni, pur possedendo un lato sensibile e vulnerabile.

SPETTACOLO EU
SPETTACOLO EU

3,5 / 5

Recensione di Raffaella Mazzei

Cops – Una banda di poliziotti, per stessa ammissione della produzione Sky Original e Banijai Italia, vuole sperimentare l’unione di due componenti: il poliziesco e il comico. Dal primo si attinge soprattutto per l’azione, il secondo invece regala alla trama delle venature surreali che cercano di ribaltare i cliché di genere. La regia di Luca Miniero si avvicina a quest’idea con la giusta dose di ironia, che tuttavia non rinuncia ad una buona resa scenica.

MOVIEPLAYER
MOVIEPLAYER

3 / 5

Recensione di Maurizio Ermisino

Nel riprendere l'idea del film svedese Kops e confezionare un film popolare e per tutti, la scelta di Luca Miniero ci appare perfetta. Il regista è una garanzia, e in Cops - Una banda di poliziotti sembra riproporre la fortunata formula di Benvenuti al Sud: una storia che arriva dall'estero, un sapiente adattamento al folclore e alle tradizioni di casa nostra - del calore del nostro Sud in particolare - e il volto - popolare, amatissimo e familiare - di Claudio Bisio.

CINEMATOGRAPHE
CINEMATOGRAPHE

2,7 / 5

Recensione di Caterina Sabato

L’atmosfera è decisamente idilliaca perché ad Apulia non succede mai niente: non ci sono né furti, né omicidi, e i poliziotti passano le loro giornate a mangiare al chioschetto del simpatico Tonino (Dino Abbrescia) ossessionato dalle cime di rape e dalle cipolle, o a rilassarsi in commissariato. Fino a quando l’arrivo dell’emissario del Ministero Margherita Nardelli (Stefania Rocca) pone fine a questa tranquillità: il commissariato chiuderà per inattività e i suoi agenti verranno trasferiti altrove. Un duro colpo per il Commissario Cinardi e i suoi poliziotti: il primo perché dopo aver lottato negli anni ’70 e ‘80 contro la criminalità organizzata vorrebbe aspettare in santa pace la pensione, gli altri perché non vogliono abbandonare le loro abitudini.

EVERYEYE
EVERYEYE

5 / 10

Recensione di Luca Ceccotti

Funziona un po' come ibrido rip-off di Scuola di Polizia e Hot Fuzz, imitandone caratteristiche ambientali o caratteriali dei protagonisti ma lavorando su di un piano profondamente "nostrano", particolareggiandone peculiarità territoriali, situazionistiche e commediate, anche ai limiti della slapstick. Funziona meno bene di quanto vorrebbe, riuscendo a creare solo in rare occasioni momenti esilaranti o intelligenti, essendo soprattutto semplice nella sua farsesca demenzialità. Un titolo di genere che non sfrutta a dovere la qualità potenziale delle tematiche e dell'inadeguatezza dei protagonisti scelti, risultando piacevole ma di passaggio, anche se di questi tempi magari è proprio di questo che i casul viewers hanno bisogno.

previous arrow
next arrow

PUNTEGGIO DELLA CRITICA 61%

Google search engine

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here