Un film del 2017 di Mike Van Diem. Con Ksenia Solo, Giancarlo Giannini, Gijs Naber, Donatella Finocchiaro, Lidia Vitale.

Anna, giovane e solitaria ragazza canadese deve recarsi in Puglia per esaudire l’ultimo desiderio della defunta madre: disperdere le ceneri nei luoghi dove è cresciuta. A destinazione la giovane ragazza, ascoltando i racconti della gente del posto, scoprirà la verità sulle sue origini e l’identità del padre che non ha mai conosciuto.

Il regista Mike Van Diem, premio Oscar nel 1997 con Character – Bastardo eccellente, ci delizia con la sua capacità di raccontare le storie attraverso flashback regalandoci un incantevole affresco della nostra Puglia colorata di tulipani. Un film leggero che sa anche vestirsi di morte e che scorre senza intoppi se non con l’unico difetto di svelarsi un pò troppo fin dall’inizio. Van Diem tratteggia un film ironico e delizioso, sospeso tra l’amore, il sogno e la favola. Una lezione di scrittura che ci ricorda quanto la narrazione sia alla base della buona cinematografia. Una riflessione poetica sulla mafia che si traduce in immagini oniriche ma delicate e che rispetta a pieno la definizione di arte come mezzo utile a far riflettere.

Articolo di Matteo Di Maria

VAN DIEM CI ACCOMPAGNA IN UNA LEZIONE DI CINEMA SOSPESA TRA SOGNO, AMORE E FAVOLA – Approfondimento Cineitalia

Trailer ufficiale di Tulipani, amore, onore ed una bicicletta

REVIEW OVERVIEW
IL NOSTRO GIUDIZIO