Questo è un redazionale di prova per verificare l’impaginazione dell’articolo nelle varie pagine del sito.

Il cinema italiano è attivo sin dall’epoca dei fratelli Lumière.[1] I primi filmati risalgono al 1896 e sono stati realizzati nelle principali città della penisola.[2][3] Questi brevi esperimenti incontrano subito la curiosità del ceto popolare incoraggiando gli operatori a produrre nuove pellicole fino a porre le basi per la nascita di una vera industria cinematografica.[2][3] Nei primi anni del novecento si sviluppa il cinema muto che avrà il merito di portare alla ribalta numerosi divi italiani e che troverà una battuta d’arresto alla fine della prima guerra mondiale.[4]

Negli anni trenta, con l’avvento del sonoro e la nascita di Cinecittà, il cinema italiano vive nuove fasi produttive, sotto il controllo politico e finanziario del regime fascista.[5] Una nuova stagione si compie alla fine della seconda guerra mondiale con la nascita del cinema neorealista che raggiunge per tutto il dopoguerra un vasto consenso di pubblico e critica.[6] Dalla metà degli anni cinquanta fino alla fine degli anni settanta, grazie al cinema d’autore, alla commedia all’italiana ed a molti altri generi, il cinema italiano raggiunge una posizione di grande prestigio sia nazionale che estera.[7][8] A partire dagli anni ottanta, a causa di molteplici fattori, la produzione italiana attraversa una profonda crisi che non ha impedito la realizzazione di pellicole di qualità, premiate ed apprezzate in tutto il mondo.